News

  • I giardini dei Gonzaga
  • Presentazione del progetto di ricerca sul censimento e lo studio dei giardini gonzagheschi nel territorio storico mantovano e cremonese con i Gonzaga di Vescovato.

  • Sala conferenze "Virginia Carini Dainotti"

    Presentazione del progetto di ricerca sul censimento e lo studio dei giardini gonzagheschi nel territorio storico mantovano e cremonese con i Gonzaga di Vescovato

    Interverranno:

    Irma Pagliari

    (Dirigente Settore Servizi Educativi, Archivi, Biblioteche e Ufficio UNESCO del Comune di Mantova)

    I giardini dei Gonzaga. Un progetto di ricerca per lo studio e la conservazione

    e

    Claudia Bonora Previdi  I giardini delle piccole capitali gonzaghesche

    Marida Brignani  I giardini dei Gonzaga di Vescovato 

    curatrici dei volumi

    I Gonzaga di Vescovato furono protagonisti di primo piano della raffinata cultura del giardino che caratterizzò per circa tre secoli la dinastia dei signori di Mantova e dei loro rami collaterali. Anche un lembo dell’attuale territorio Cremonese rientra dunque a pieno titolo nell’approfondito studio promosso dall’Ufficio UNESCO Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo sul bando della legge 77/2006. La ponderosa pubblicazione in tre volumi, che sarà presentata venerdì 22 marzo alle 16,30 presso la sala conferenze della Biblioteca Statale di Cremona, vede la luce dopo un lavoro di ricerca durato 4 anni che ha impegnato un team di oltre venti studiosi per la ricerca storica insieme a vari centri di ricerca per le indagini specialistiche. Il progetto complessivo, denominato I giardini dei Gonzaga. Studio storico rilievo e analisi per il recupero e il restauro, curato da Paola Falini, rispondeva infatti al bando dedicato alle Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale” posti sotto la tutela dell’Unesco. Per questo, con la collaborazione dell’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, l’Ufficio UNESCO di Mantova, diretto da Irma Pagliari e coordinato da Susanna Sassi, ha sottolineato le carenze del quadro conoscitivo disponibile su alcuni dei beni monumentali più rappresentativi del sito, tra i quali i giardini gonzagheschi, nell’ottica di una più consapevole conservazione delle vestigia superstiti come parte integrante dei valori alla base della iscrizione del sito.  

    L’attività si è orientata quindi in due direzioni: lo studio sistematico degli oltre 100 giardini gonzagheschi dei quali esiste traccia documentaria nel territorio storico mantovano - sfociato nella redazione di un Atlante curato da Marida Brignani e da Claudia Bonora Previdi - e l’approfondimento di due esempi di grande rilevanza, ma bisognosi di intervento: il giardino di Palazzo Giardino a Sabbioneta e i giardini di Palazzo Te a Mantova per i quali sono state redatte due monografie per identificare le rispettive esigenze. Comprendono infatti, oltre all’analisi storica, il rilievo attuale dei complessi edilizi e dei relativi giardini (Politecnico di Milano), i rilievi fotografici (Luigi Briselli), topografici e con il georadar (IDSGeoradar), le indagini archeologiche (Società archeologica SAP), botaniche (Tea Ambiente), paleobotaniche e palinologiche (Università di Modena e Reggio Emilia). Sono inoltre comprese analisi relative all’accessibilità, alla fruibilità e alla destinazione d’uso, alle condizioni statiche e manutentive delle strutture edilizie e alle componenti vegetali presenti, con la valutazione dello stato di conservazione di ciascun componente. Per entrambi i luoghi sono state tracciate linee guida di indirizzo per il recupero e la riqualificazione di un patrimonio straordinariamente interessante e, al pari del monumentale, testimone e rappresentante privilegiato della cultura gonzaghesca.

    Data: 22 marzo 2019

     

    Luogo: Cremona, Biblioteca statale di Cremona
    Orario: 16.30
    Telefono: +39 0372 495611
    E-mail: bs-cr@beniculturali.it